Questa testata aderisce all'anso  
 
Note Legali | Pubblicità | La Piazza | Bacheca | Info | Città
prima pagina
editoriali
attualità
costume e società
politica
economia
sport
cultura e spettacolo
tecnologia
eventi
dicono di noi on line
 
ambiente
casa
cinema
affari e finanza
dalla regione
diritto
gastronomia
salute e benessere
interviste del direttore
lettere alla redazione
territorio
viaggi
documenti
Diventa Capitano...
Scrivi su Capitanata.it
Lavora con noi
Pubblicità
ANSO
 
METEO
aggiungi a preferiti


14/10/2002

AL REFERENDUM DI SERRACAPRIOLA L’ANOLF CISL DI FOGGIA INVITA A VOTARE ‘SI’
‘Doverosa l’accoglienza del lavoratore immigrato’
Per l'Anolf (Associazione nazionale oltre le frontiere) della Cisl di Foggia Cisl, di fronte al fenomeno dell'immigrazione è sempre più necessario e doveroso, anziché dividersi, riaffermare il principio dell'accoglienza. Per questo, in merito al referendum comunale sul centro d'accoglienza per immigrati indetto a Serracapriola, l'associazione invita a votare 'SI'.
Come afferma, infatti, Oxana Andrusic, responsabile provinciale dell'Anolf Cisl '...si tratta di una questione umanitaria in cui fino ad oggi la Puglia si è sempre distinta positivamente. Tutti abbiamo il dovere morale, da credenti e da cittadini, di accogliere e sostenere il migrante, che, di solito, viene in Italia spinto da situazioni di povertà, di bisogno, di pericolo, che rendono impossibile la vita nel paese d'origine'.
Secondo l'Anolf, inoltre, è certo che sarebbe stato ottimale impiegare le risorse utilizzate per l'attuazione del referendum integrandole a quelle già destinate, dalla Diocesi di San Severo e dall'Ordine Francescano Secolare della provincia di Sant'Angelo, per la ristrutturazione dei locali che, con una funzione polivalente, oggi sono a disposizione degli immigrati e che domani potrebbero essere utilizzati anche per i giovani o gli anziani di Serracapriola.
'In questo contesto - aggiunge la Andrusic - la presenza di un adeguato centro di accoglienza a Serracapriola va incontro, non solo alle dovute esigenze umanitarie, ma anche alla normativa sull'immigrazione che, così come modificata dalla nuova legge Bossi-Fini, obbliga il lavoratore immigrato ed il datore di lavoro a fornire documentazione scritta contenente l'indicazione dell'alloggio in cui il lavoratore immigrato è domiciliato'.

  Segnala questa notizia a un amico
  Stampa questa notizia
altre notizie nella sezione Attualità

Google
WEB WWW.CAPITANATA.IT
 
 
Torremaggiore Informa
Asernet informa
Puntoit informa
RAS informa
Salcuni informa
ANSO informa
Sista informa
 
Newsgroup
Eventi
Newsletter
Guestbook
Cartoline
Il Mercatino
Cerco Lavoro
Offro Lavoro
Subappenino
Gargano
Alto
Tavoliere
Basso Tavoliere
Capitanata TV
Rete Civica Provinciale


Asernet Solutions
Pubblicità su Capitanata.it Note Legali info@capitanata.it
Capitanata.it - giornale on line registrato presso il Tribunale di Foggia con il n. 9/2001 - Direttore responsabile Matteo Tricarico