Questa testata aderisce all'anso  
 
Note Legali | Pubblicità | La Piazza | Bacheca | Info | Città
prima pagina
editoriali
attualità
costume e società
politica
economia
sport
cultura e spettacolo
tecnologia
eventi
dicono di noi on line
 
ambiente
casa
cinema
affari e finanza
dalla regione
diritto
gastronomia
salute e benessere
interviste del direttore
lettere alla redazione
territorio
viaggi
documenti
Diventa Capitano...
Scrivi su Capitanata.it
Lavora con noi
Pubblicità
ANSO
 
METEO
aggiungi a preferiti


19/1/2004

ESTINTORI D'INCENDIO: LE NORME
Aggiornati i criteri per il collaudo, il controllo e la sostituzione dell'agente estinguente
Nel nostro ordinamento la manutenzione dei mezzi di estinzione incendi è regolamentata da diverse prescrizioni. Per prima cosa la norma stabilisce che per mantenere l'estintore in efficienza devono essere eseguite, con una determinata periodicità, delle verifiche oggettive, alcune delle quali possono essere svolte solo da personale esperto nell'espletamento del servizio di manutenzione degli estintori e che operi in conformità alla legge vigente.
Di fatto nella norma UNI 9994 sono individuate quattro fasi di manutenzione e cioè:
1. Sorveglianza: misura di prevenzione atta a controllare l'estintore nella posizione in cui è collocato;
2. Controllo: misura di prevenzione atta a verificare l'efficienza dell'estintore (si effettua almeno una volta ogni sei mesi);
3. Revisione: misura di prevenzione atta a verificare e rendere perfettamente efficiente l'estintore (avviene con frequenze diverse a seconda della tipologia degli estintori);
4. Collaudo: misura di prevenzione atta a verificare la stabilità del serbatoio o della bombola dell'estintore in quanto facente parte di apparecchi a pressione (avviene con frequenze diverse a seconda della tipologia degli estintori).
Le operazioni inerenti la sorveglianza possono essere svolte direttamente dall'utilizzatore che, nel caso di evidenti anomalie, provvede ad interpellare il manutentore il cui intervento invece è necessario per le altre fasi della manutenzione.
La norma prevede che il cartellino di manutenzione, che può essere strutturato in modo tale da poter essere utilizzato per più interventi e per più anni, deve obbligatoriamente riportare i seguenti dati:
- numero di matricola o altri estremi di identificazione dell'estintore;
- ragione sociale e indirizzo completo e altri estremi di identificazione del manutentore;
- massa lorda dell'estintore;
- carica effettiva;
- tipo di fase effettuata;
- data dell'ultimo intervento;
- firma o punzone identificativo del manutentore.
Inoltre la norma stabilisce che l'agente estinguente deve essere sostituito integralmente in occasione delle verifiche periodiche e/o straordinarie di solidità e integrità del corpo dell'estintore e quando gli estintori siano stati parzialmente scaricati.

Per ulteriori informazioni:
www.salcuni.it
info@salcuni.it
Tel. 0884.512911

  Segnala questa notizia a un amico
  Stampa questa notizia
altre notizie nella sezione Salcuni Informa

Google
WEB WWW.CAPITANATA.IT
 
 
Torremaggiore Informa
Asernet informa
Puntoit informa
RAS informa
Salcuni informa
ANSO informa
Sista informa
 
Newsgroup
Eventi
Newsletter
Guestbook
Cartoline
Il Mercatino
Cerco Lavoro
Offro Lavoro
Subappenino
Gargano
Alto
Tavoliere
Basso Tavoliere
Capitanata TV
Rete Civica Provinciale


Asernet Solutions
Pubblicità su Capitanata.it Note Legali info@capitanata.it
Capitanata.it - giornale on line registrato presso il Tribunale di Foggia con il n. 9/2001 - Direttore responsabile Matteo Tricarico