Questa testata aderisce all'anso  
 
Note Legali | Pubblicità | La Piazza | Bacheca | Info | Città
prima pagina
editoriali
attualità
costume e società
politica
economia
sport
cultura e spettacolo
tecnologia
eventi
dicono di noi on line
 
ambiente
casa
cinema
affari e finanza
dalla regione
diritto
gastronomia
salute e benessere
interviste del direttore
lettere alla redazione
territorio
viaggi
documenti
Diventa Capitano...
Scrivi su Capitanata.it
Lavora con noi
Pubblicità
ANSO
 
METEO
aggiungi a preferiti


10/6/2004

‘GARAGE DAYS’
Garage movie...
di Pierre Hombrebueno
Ed ecco un altro film a base di Rock & Roll dopo l'invasione di pellicole come 'Hedwig - La diva con qualcosa in più' o 'School of Rock' degli ultimi tempi. 'Garage Days' si avvicina di più a quest'ultimo, non per niente comincia in modo identico: il protagonista sul palco dei sogni che si strofina al microfono davanti a 20.000 spettatori, prima di svegliarsi nella cruda realtà dove la carestia e il fallimento abbondano.
I giorni del garage di questa band in erba sono quelli passati a supplicare un ingaggio per qualsiasi locale, quei giorni dove si cerca, sull'orlo della disperazione, un qualsiasi aggancio all'interno dell'industria musicale, quei giorni passati in un buco di sala prove sognando il successo planetario.
Il film di Alex Proyas si farà amare dal popolo 'alternativo' per i luoghi comuni delle pellicole di questo genere: i vestiti stra-fichi, il solito gruppone punk che ti urla in faccia, la dark vampirella fissata col sangue e le cose macabre, ma soprattutto la potente colonna sonora che è il vero piatto forte, passando dai Cure fino agli AC/DC.
Come storia e contenuto invece, Garage Days non sfiora né il fascino di Hedwig né la comicità brillante di School of Rock; le trovate pressoché banali non riescono a strappare un misero sorriso, e alcuni sotterfugi a mo' di soap-opera sono più adatti a situazioni da film Tv.
Non giova nemmeno la totale mancanza di carisma rockstar nel protagonista Kick Gurry, inadatto e privo di fascino; molto meglio Andy Anderson nel ruolo di un rockettaro 40enne, divertentissimo e godibile.
Garage Days è solo un garage Movie da vedere con la propria band (per chi c'è l'ha) per riconoscersi facilmente in alcune situazioni e personaggi, per il resto è un film da scartare senza pensarci due volte.

Pierre Hombrebueno è web critico di www.cinemaplus.it e Presidente dell'Italian Online Movie Awards

  Segnala questa notizia a un amico
  Stampa questa notizia
altre notizie nella sezione Cinema

Google
WEB WWW.CAPITANATA.IT
 
 
Torremaggiore Informa
Asernet informa
Puntoit informa
RAS informa
Salcuni informa
ANSO informa
Sista informa
 
Newsgroup
Eventi
Newsletter
Guestbook
Cartoline
Il Mercatino
Cerco Lavoro
Offro Lavoro
Subappenino
Gargano
Alto
Tavoliere
Basso Tavoliere
Capitanata TV
Rete Civica Provinciale


Asernet Solutions
Pubblicità su Capitanata.it Note Legali info@capitanata.it
Capitanata.it - giornale on line registrato presso il Tribunale di Foggia con il n. 9/2001 - Direttore responsabile Matteo Tricarico