Questa testata aderisce all'anso  
 
Note Legali | Pubblicità | La Piazza | Bacheca | Info | Città
prima pagina
editoriali
attualità
costume e società
politica
economia
sport
cultura e spettacolo
tecnologia
eventi
dicono di noi on line
 
ambiente
casa
cinema
affari e finanza
dalla regione
diritto
gastronomia
salute e benessere
interviste del direttore
lettere alla redazione
territorio
viaggi
documenti
Diventa Capitano...
Scrivi su Capitanata.it
Lavora con noi
Pubblicità
ANSO
 
METEO
aggiungi a preferiti


25/11/2004

CINEMA: ‘ALIEN VS. PREDATOR’
Meglio soli che mal accompagnati
di Pierre Hombrebueno
Il punto di forza della saga di 'Alien' stava innanzitutto nella protagonista Sigourney Weaver aka Ripley, una carismatica ed 'incazzosa' leader. Il punto di forza di 'Predator' stava invece nell'ambientazione anti-claustrofobica, prima nella giungla e poi nella metropoli, luoghi vasti da cui il mostro poteva colpire ovunque e sempre.
Entrambi questi punti di forza cessano di esistere nell'operazione 'paghi 1, prendi 2' di Paul Anderson, che mette su un plot che sfiora il ridicolo. Un gruppo di archeologi scoprono una piramide sotterranea dove, guarda caso, ci sono alcuni predators in lotta con degli aliens. I protagonisti si troveranno perciò in mezzo ad una guerra tra due razze superiori, e chiaramente, moriranno uno ad uno.
Il regista però, non si ferma solo a questo, ma addirittura s'inventa una storiella per raccontare di questa antica rivalità, andando indietro nel tempo fino all'epoca dei Maya e degli Aztechi. Facendo ciò, non solo insulta l'intelligenza degli spettatori cresciuti con il primo film di Ridley Scott e di John McTiernan, ma proprio capovolge intere serie di film, mettendo a soqquadro i plot messi su da questi due registi per le loro saghe.
Gli alieni solo nello spazio? No, è dall'epoca dei Maya che 'girovacchiano' per il pianeta Terra. E i Predator? Addirittura hanno insegnato agli uomini dell'antichità come costruire piramidi e templari. Stiamo sognando? No, ma i nostri amati aliens e predators risultano perfettamente rovinati. Coloro che si vedono nel film di Anderson non sono gli aliens ed i predators che abbiamo imparato ad amare, quelli che ci hanno appassionato; sono semplicemente dei cloni messi su schermo per fare soldi, il tutto confezionato come una banalissima action movie.

REGIA: Paul Anderson
CAST: Sanaa Lathan, Raoul Bova, Lance Henriksen

  Segnala questa notizia a un amico
  Stampa questa notizia
altre notizie nella sezione Cinema

Google
WEB WWW.CAPITANATA.IT
 
 
Torremaggiore Informa
Asernet informa
Puntoit informa
RAS informa
Salcuni informa
ANSO informa
Sista informa
 
Newsgroup
Eventi
Newsletter
Guestbook
Cartoline
Il Mercatino
Cerco Lavoro
Offro Lavoro
Subappenino
Gargano
Alto
Tavoliere
Basso Tavoliere
Capitanata TV
Rete Civica Provinciale


Asernet Solutions
Pubblicità su Capitanata.it Note Legali info@capitanata.it
Capitanata.it - giornale on line registrato presso il Tribunale di Foggia con il n. 9/2001 - Direttore responsabile Matteo Tricarico