Questa testata aderisce all'anso  
 
Note Legali | Pubblicità | La Piazza | Bacheca | Info | Città
prima pagina
editoriali
attualità
costume e società
politica
economia
sport
cultura e spettacolo
tecnologia
eventi
dicono di noi on line
 
ambiente
casa
cinema
affari e finanza
dalla regione
diritto
gastronomia
salute e benessere
interviste del direttore
lettere alla redazione
territorio
viaggi
documenti
Diventa Capitano...
Scrivi su Capitanata.it
Lavora con noi
Pubblicità
ANSO
 
METEO
aggiungi a preferiti


27/10/2005

DATI GLI APPARTAMENTI A E B...
Ancora un quesito di un nostro lettore..
Ancora un lettore che ci invia un suo quesito riguardante il problema della casa… Lo pubblichiamo sperando ancora in una risposta dei nostri affezionati esperti. Per inviare risposte scrivere a redazione@capitanata.it

Spett.le redazione,
vorrei pubblicare una richiesta di aiuto nella Vs. rubrica casa.

Il preblema è il seguente:

Vivo in una palazzina "datata" di un piano composta dalle seguenti proprietà:
Appartamento A di mia proprietà;
Appartamento B di proprietà di altro in fitto ad un suo inquilino di più piccola metratura rispetto al mio in quanto originariamente A e B erano un unico appartamento;
entrambi gli appartamenti accedono da un portoncino comune con una rampa di scale.
Ai lati del portoncino vi sono:
Appartamento piano terra C di proprietà di terzo nella parte destra;
Appartamento piano terra D ed E di proprietà di B nella parte sinistra.

I problemi sono i seguenti (non esistono tabelle millesimali):

1)  Prima dell'acquisto da parte mia dell'appartamento A il vecchio proprietario si era sobbarcato le spese di ripristino e tinteggiatura delle mura (oltre a tutto l'appartamento) del vano portone per tutta la parte sinistra adiacente la sua proprietà in quanto il proprietario B si rifiutava di partecipare alle spese del ripristino del decoro del vano portone-scala: Pertanto la parte destra presenta vistose crepe nel muro e mancanza di pulizia/tinteggiatura. Nella stessa parte del proprietario B il vano scala presenta una corda a ridosso del muro che scende fino al portone e che funge da "apriporta" dello stesso. Quest'ultimo infatti ha causato la rottura della serratura e l'aggravarsi delle crepe nei punti di aggancio della corda.

Domande:
Il proprietario B è obbligato a ripristinare il decoro del vano portone/scala a sue spese?
L'artigianale apri porta può essere rimosso da me?
La serratura del portone chi deve ripristinarla?
Si può obbligare ad elettrificare l'apertura del portone?

2) Lo stipite verticale destro in marmo  del portone risulta spaccato a metà e quindi pericolante, vengo continuamente sollecitato dagli inquilini e proprietario C dei pianterreni a sistemare la cosa perchè i loro figli si siedono sul gradino esterno del portone e potrebbe crollargli lo stipite addosso.

Domanda:
A chi spetta la riparazione: ai due proprietari degli appartamenti interni? o anche a quelli adiacenti il portone che lamentano la cosa e usufruiscono della "seduta"?

3) Gli appartamenti del piano terra denonminati D ed E sotto il mio balcone sui lati delle entrate presentano rigonfiamenti del muro a causa umidità e quindi rischio caduta mattonelle dalla facciata, inoltre il mio balcone al di sotto presenta segni di cedimento di parti di muratura.

Domanda:
A chi spettano questi lavori?

Mi auguro di non essere stato troppo eccessivo nelle richieste e ringrazio anticipatamente per le risposte e complimenti per il Vs. portale.

Cordiali saluti
Matteo

  Segnala questa notizia a un amico
  Stampa questa notizia
altre notizie nella sezione Casa

Google
WEB WWW.CAPITANATA.IT
 
 
Torremaggiore Informa
Asernet informa
Puntoit informa
RAS informa
Salcuni informa
ANSO informa
Sista informa
 
Newsgroup
Eventi
Newsletter
Guestbook
Cartoline
Il Mercatino
Cerco Lavoro
Offro Lavoro
Subappenino
Gargano
Alto
Tavoliere
Basso Tavoliere
Capitanata TV
Rete Civica Provinciale


Asernet Solutions
Pubblicità su Capitanata.it Note Legali info@capitanata.it
Capitanata.it - giornale on line registrato presso il Tribunale di Foggia con il n. 9/2001 - Direttore responsabile Matteo Tricarico