Questa testata aderisce all'anso  
 
Note Legali | Pubblicità | La Piazza | Bacheca | Info | Città
prima pagina
editoriali
attualità
costume e società
politica
economia
sport
cultura e spettacolo
tecnologia
eventi
dicono di noi on line
 
ambiente
casa
cinema
affari e finanza
dalla regione
diritto
gastronomia
salute e benessere
interviste del direttore
lettere alla redazione
territorio
viaggi
documenti
Diventa Capitano...
Scrivi su Capitanata.it
Lavora con noi
Pubblicità
ANSO
 
METEO
aggiungi a preferiti


20/1/2006

APPELLO PER IL VUOTO A RENDERE DEI PRODOTTI DELL'INFANZIA
Fare Verde lancia una petizione sul proprio sito internet
Cosa si può immaginare di più genuino e puro del latte?
Alimento che evoca l’infanzia di tutti, la genuinità, quasi un ritorno a certi valori che vedevano in una tazza di latte calda la trasposizione fisica del focolare domestico. Cosa si può immaginare oggi parlando di latte? Lo scandalo della Nesltè e dei contenitori della TetraPack in cui sono state riscontrate sostanze chimiche come I sopropilthioxantone(itx), che solo a pronunciale, non rassicura neanche il migliore degli ottimisti, fa ancora eco tra i maggiori enti di informazione di carattere nazionale e locale.
Il latte per i bambini, essenziale per la crescita, ormai finito come ogni tipo di alimento, nelle grinfie di un consumismo che cataloga tutto e tutti, al fine di ottenere con il minimo prezzo il massimo risultato e da un mercato figlio della concezione del Global-Bussiness, che oscura le origini e le tradizioni di quei prodotti che hanno fatto la storia e la cultura di un paese.
L’appello dell’associazione Fare Verde è di convertire la formula di distribuzione di questo alimento, da vuoto a perdere, a vuoto a rendere. La cauzione è l’ideale per tutti, per i produttori che risparmierebbero sui costi di riciclaggio dei contenitori (che rimarrebbero comunque poco sicuri) e per i consumatori che avrebbero la sicurezza di un prodotto confezionato con meno trattamenti possibili vista la conservazione limitata nel tempo.
Chiunque può aderire all’iniziativa tramite fax o e-mail e, visitando il sito www.fareverde.it, è possibile avere informazioni più dettagliate e firmare direttamente la petizione.
Anche Capitanata.it ha deciso di aderire all'iniziativa inserendo nel proprio portale un banner che punta direttamente al sito internet dell'associazione ambientalista.
Il responsabile della sezione di Manfredonia, Paolo Ciro D’Apolito, afferma: 'Anche a Manfredonia ed in provincia di Foggia, ci sarà mobilitazione per far firmare questa iniziativa importante ad amici, parenti, cittadini'.
Ma l’appello non si ferma qui, oltre ai produttori alimentari per l’infanzia, l’appello è rivolto al Ministero della Salute, al Ministero delle Politiche agricole, al Ministero dell’Ambiente e al Ministero delle Attività Produttive.
Un semplice invito che può voler dire tanto nella risoluzione di questo problema che riguarda non solo l’Italia, ma tutto il Continente Europeo, dove la paura di epidemie e contaminazioni alimentari è sempre grande, ma che con la collaborazione e la cooperazione può essere affrontata e vinta.

  Segnala questa notizia a un amico
  Stampa questa notizia
altre notizie nella sezione Ambiente

Google
WEB WWW.CAPITANATA.IT
 
 
Torremaggiore Informa
Asernet informa
Puntoit informa
RAS informa
Salcuni informa
ANSO informa
Sista informa
 
Newsgroup
Eventi
Newsletter
Guestbook
Cartoline
Il Mercatino
Cerco Lavoro
Offro Lavoro
Subappenino
Gargano
Alto
Tavoliere
Basso Tavoliere
Capitanata TV
Rete Civica Provinciale


Asernet Solutions
Pubblicità su Capitanata.it Note Legali info@capitanata.it
Capitanata.it - giornale on line registrato presso il Tribunale di Foggia con il n. 9/2001 - Direttore responsabile Matteo Tricarico