Questa testata aderisce all'anso  
 
Note Legali | Pubblicità | La Piazza | Bacheca | Info | Città
prima pagina
editoriali
attualità
costume e società
politica
economia
sport
cultura e spettacolo
tecnologia
eventi
dicono di noi on line
 
ambiente
casa
cinema
affari e finanza
dalla regione
diritto
gastronomia
salute e benessere
interviste del direttore
lettere alla redazione
territorio
viaggi
documenti
Diventa Capitano...
Scrivi su Capitanata.it
Lavora con noi
Pubblicità
ANSO
 
METEO
aggiungi a preferiti


11/4/2006

EOLICO E ARCHEOLOGIA, LA CONVIVENZA E' POSSIBILE
Per Annamaria Tunzi della Soprintendenza Archeologica di Bari, è assolutamente possibile
Annamaria Tunzi della Sovrintendenza archeologica di Bari a proposito dei recenti scavi effettuati a Montecalvello, nel territorio di Troia, hanno riportato alla luce una necropoli di gran valore storico e archeologico.
Sostiene- Non è per nulla vero che le due attività siano incompatibili e che non si possano ricavare delle cose utili, giuste per tutti dalla sinergia tra l’eolico e l’archeologia. Voglio togliere qualsiasi dubbio: noi della sovrintendenza abbiamo un ottimo rapporto con la Daunia Wind e non è la prima volta che l’eolico incontra l’archeologia anzi, è una situazione abbastanza frequente in un territorio ricco come quello dauno.– continua la dottoressa Tunzi –non entro nella polemica ‘eolico sì, eolico no, non è il mio compito. Dico soltanto che noi abbiamo come compito istituzionale quello di verificare la natura archeologica di un sito dove le società vogliono creare i loro parchi eolici, ma ogni volta che lo facciamo sorge sempre qualcosa d’importante. Sono fermamente convinta che questi parchi eolici possano e debbano convivere con le presenze antiche, semplicemente se si studiano delle strategie di valorizzazione che possono essere chiamati ‘parchi archeolici.” Non vedo perché la gente non possa essere invitata a visitare questi luoghi talmente belli, con vedute paesaggistiche incredibili. I responsabili della Daunia Wind hanno contribuito con 100.000 euro alle spese per gli scavi, hanno manifestato grande interesse per scoperte fin ora venute alla luce. Portando avanti l’indagine di queste aree secondo gli accordi, dovrebbero venire poi le torri eoliche. Abbiamo curato la natura necropolare di questo sito, faremo altri controlli nelle immediate vicinanze, in modo da, poter individuare il punto più adatto dove potranno essere costruite le torri. Se poi, in un momento successivo, le società vorranno abbracciare l’idea di realizzare, una percorrenza, degli itinerari di questi siti che possano avvicinare la gente ai luoghi meravigliosi e agli spettacoli panoramici molto suggestivi; far capire che cosa è l’eolico e far vedere quello che siamo riusciti a tirare fuori dagli scavi, in questo caso avremo raggiunto dei risultati straordinari’’.

  Segnala questa notizia a un amico
  Stampa questa notizia
altre notizie nella sezione Ambiente

Google
WEB WWW.CAPITANATA.IT
 
 
Torremaggiore Informa
Asernet informa
Puntoit informa
RAS informa
Salcuni informa
ANSO informa
Sista informa
 
Newsgroup
Eventi
Newsletter
Guestbook
Cartoline
Il Mercatino
Cerco Lavoro
Offro Lavoro
Subappenino
Gargano
Alto
Tavoliere
Basso Tavoliere
Capitanata TV
Rete Civica Provinciale


Asernet Solutions
Pubblicità su Capitanata.it Note Legali info@capitanata.it
Capitanata.it - giornale on line registrato presso il Tribunale di Foggia con il n. 9/2001 - Direttore responsabile Matteo Tricarico